Ceceno fermato a Bari per terrorismo. Diceva: “Italiani peggio di animali, bisogna punirli”

Un ceceno di 38 anni, Eli Bombateliev, è stato fermato dalla DDA di Bari per sospette attività terroristiche. L’uomo è stato captato mentre parlava assieme alla moglie russa (anch’essa espulsa) al telefono. L’uomo sottoponeva anche la moglie ad un percorso di radicalizzazione e di indottrinamento per farla diventare una kamikaze. L’uomo stava preparando degli attacchi terroristici in Italia ed è ritenuto molto pericoloso.

Alla moglie al telefono diceva: “Sai come sono questi italiani? Sono contenti se hanno fregato qualcuno, loro se ne approfittano ed umiliano le persone, sono peggio degli animali”. “Bisogna punire questi diavoli” si sente nelle sue deliranti conversazioni assieme alla moglie “non c’è più tempo… è il momento di Jihad… e per questo dico io combatti per Allah e basta”.

“Il profeta aveva detto che si spargerà molto sangue, il sangue deve spargersi, si sta già spargendo, cioè manca poco” e ancora “La parte peggiore di me la conosci, cosa altro vuoi sapere… ammazzare per me non è la cosa peggiore, io personalmente non ho ancora ammazzato nessuno… io non ho ammazzato nessuno perché non ho ancora avuto l’occasione” diceva il 38enne ceceno alla moglie. L’uomo è stato fermato perché ritenuto inserito nella rete del terrorismo islamico ceceno di matrice jihadista.

Roversi MG.