Corea del Nord, paura per terremoto magnitudo 5,9: “Non è stato un test nucleare”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:42

Per qualche attimo si è temuto il peggio. Dalla Corea del Nord, infatti, stamani è arrivata la notizia che un violento terremoto era stato registrato a largo della costa prospiciente la città di Chongjin, terzo polo urbano del Paese.

Una notizia che aveva subito fatto scattare l’allarme circa la possibilità che a causarlo potesse essere stato l’ennesimo test nucleare paventato negli scorsi giorni dal Kim Jong-un. Fortunatamente, il Pentagono ha immediatamente smentito quest’evenienza, sottolineando come i sismografi avessero indicato come epicentro ed ipocentro del sisma una zona troppo remota per poter essere associata a qualsivoglia attività militare. Lo stesso Usgs, l’Istituto di geofisica statunitense, ha precisato che la zona di provenienza del terremoto, di magnitudo 5,9 sulla scala Richter, si trova a 190 chilometri dalla costa. Troppo in là anche per le ambizioni nucleari di Pyongyang. E così, per il momento, l’allarme sembra essere rientrato anche se, a fronte dei cinque test nucleari portati a compimento nel corso degli ultimi mesi, la comunità internazionale, e l’America di Donald Trump, continuano a tenere sotto controllo il regime di Kim Jong-un. La guerra, o ciò che la precede, finisce col diventare un logorante via vai di informazioni nel quale anche un terremoto, per un attimo, può indurre a mettere mano ai piani militari.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!