Moha beach, donna scagliata in aria da turbine del jet muore in spiaggia

Tragedia sulla famosa spiaggia di Saint Maarten. Una donna neozelandese di 57 anni, infatti, è deceduta in seguito alle ferite riportate dopo essere stata letteralmente sbalzata in aria dalle turbine di un jet in fase di decollo nel vicino aeroporto, distante dalla spiaggia appena una manciata di metri.

Secondo quanto confermato dello stesso Emergency Central Dispatch, i paramedici sono stati contattati per un intervento immediato sul bagnasciuga, dove una donna giaceva priva di conoscenza. Numerosi testimoni hanno poi dichiarato che il terribile volo della vittima è avvenuto a causa dello spostamento d’aria causato da un jet che si apprestava a decollare nel vicino aeroporto. La spiaggia di Moha, per la precisione, è ben nota proprio a causa di questa bizzarra caratteristica. Sono molti i turisti che scelgono di recarsi in quel luogo proprio per avere il brivido di trovarsi a ridosso degli aerei che atterrano e decollano a due passi dal mare. E spesso, come in questo caso, alcuni tra i più intrepidi provano a contrastare la propulsione dei velivoli aggrappandosi alle recinzioni che delimitano la pista. Già nel 2012 una donna aveva riportato ferite multiple dopo essere stata scagliata via dalla forza delle turbine eppure, Moha beach continua ad essere meta di vacanze proprio in virtù di questa strana caratteristica al punto che, molti tra i bar e gli esercizi commerciali siti sulla spiaggia, hanno posizionato delle lavagne con gli orari dei voli in arrivo e in partenza.