Cagliari: 25enne picchia la fidanzata mandandola in coma, poi si getta del cavalcavia e muore

Tragedia terribile nel quartiere di Sant’Elia a Cagliari, dove un ragazzo di 25 anni ha prima picchiato violentemente la fidanzata, mandandola in coma, e poi probabilmente credendola morta si è gettato da un ponte togliendosi la vita. Riccardo Madau, 25 anni, ieri notte attorno alle 3 avrebbe avuto una violenta discussione con la fidanzata, Manuela Picci, 26 anni di Assemini, provincia di Cagliari.

I due erano a bordo della Lancia Y, vicino allo stadio, ed avrebbero avuto una discussione violenta, iniziata in macchina e terminata in strada. Il 25enne avrebbe colpito ripetutamente al volto la ragazza. La giovane ha tentato di fuggire, ma ha fatto qualche metro prima di cadere a terra senza sensi. A questo punto probabilmente Madau l’ha creduta morta e si è lasciato prendere dal panico: è salito sul cavalcavia che da Schiavazzi porta al Sant’Elia e si è gettato nel vuoto. L’allarme è stato dato dal custode dello stadio, che ha sentito le urla.

La ragazza è ricoverata in coma farmacologico all’ospedale Brotzu, mentre per il 25enne non c’è stato nulla da fare: è stato trovato senza vita, e a nulla sono valsi i tentativi di rianimarlo. La polizia sta cercando di capire che cosa sia accaduto ascoltando i parenti e gli amici della coppia. Nel quartiere di Cagliari sono arrivati intanto gli investigatori della Squadra mobile che per iniziare le indagini. Sul posto anche il 118.

Roversi MG.