“Mostrami come sei brava”, in manette imprenditore: molestava studentesse

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:50

“Vuoi lavorare? Devi accettare le mie proposte”. Peccato che il giudizio ‘di merito’ consistesse dalla disponibilità delle ragazze che si rivolgevano a lui in cerca di un lavoro.

E’ l’agghiacciante storia che viene dalla Brianza, dove le forze dell’ordine hanno provveduto ad arrestare un imprenditore 54enne, titolare di due centri estetici. L’uomo, incensurato e padre di famiglia, raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per violenza sessuale aggravata emessa dal gip Patrizia Gallucci.

Stando a quanto ricostruito dagli inquirenti, il 54enne era solito farsi mandare messaggi ‘intimi’ dalle giovani che  gli venivano affidavate per periodi di due-tre mesi di tirocinio e formazione obbligatoria da due istituti professionali di Monza. Con la scusa di dover loro insegnare il mestiere, l’imprenditore inviava loro delle frasi inequivocabili, come ad esempio “Fammi vedere come sei brava”, e altre espressioni dello stesso tenore.

Ad essere finite sotto le grinfie dell’aguzzino sono quattro alunne, tutte comprese tra i 15 e i 17 anni.

E’ stata una delle quattro a far emergere la verità sulla vicenda, trovando il coraggio di raccontare quei massaggi così spinti e la pressione psicologica esercitata dal 54enne sulle ragazze. Sulla vicenda è intervenuta anche il ministro Fedeli, che ha parlato di fatti di “una gravità inaudita”.