USA: madre vendeva la figlia di 7 anni ai pedofili per 60 dollari, arrestata

Una donna di Greensburg vendeva la sua figlia di solamente sette anni ai pedofili per rapporti sessuali a pagamento. La terribile notizia viene da Greensburg, città della Pennsylvania, negli USA. La donna, 38 anni, di nome Rebecca Lynn Shadle, adesso è accusata di sfruttamento di minori e di altri reati connessi al fatto.

La polizia ha fatto sapere però di stare cercando altri complici. La vicenda è stata scoperta grazie ad una segnalazione telefonica anonima, fatta ad un’associazione che denuncia abusi sui minori, dove veniva descritto cosa stava accadendo, ed il fatto che la 38enne vendesse la figlia di soli sette anni per qualche soldo. Dopo le verifiche della polizia, la 38enne ed un cliente di 49 anni, Brian Spillar, sono stati arrestati. La donna, una volta che è stata interrogata dalla polizia, ha ammesso che riceveva 60 dollari dall’uomo per far prostituire la bambina.

La 38enne ha provato a giustificarsi dicendo che aveva urgente bisogno di soldi. Ma si cercano altri due uomini, in quanto, secondo le analisi fatte sul telefono della donna, ci sarebbe almeno altri due uomini che hanno abusato della bambina. 
La polizia ora teme che anche l’altra figlia della 38enne, una piccola di soli due anni, possa aver subito violenze come la sorellina. Le indagini sul terribile fatto continuano.

Roversi MG.