La siesta arriva fino in Cina. Grazie a queste mini-capsule

I turisti in Cina, stanchi delle lunghe passeggiate, possono ora incontrare i lavoratori autoctoni  in speciali hotel fatti apposta per il momento del riposo pomeridiano. Infatti, per effettuare la meritata “siesta” non è più necessario prenotare una camera d’hotel: a quanto pare, per il riposino basta una semplice capsula – o almeno questo è il parere delle ditte finanziatrici del progetto, che ha trovato larghissimo riscontro nella popolazione locale.

Il prototipo che sta riscuotendo più successo in Cina è più piccolo dell’abitacolo di un’auto, dotato di tutti i comfort: di aria condizionata, una lampada da lettura, un piccolo ventilatore, biancheria usa e getta e si prenota tramite una app. Il meccanismo è semplice e lineare: la prenotazione si effettua online e la capsula si apre con il codice QR ricevuto. Dopodiché, basta semplicemente ricordarsi di lasciare le scarpe all’esterno della capsula e si può finalmente godere di un riposino (ma da evitare se claustrofobici).

Così, per meno dell’equivalente di 1 euro per mezz’ora, le capsule risultano ottimali soprattutto nelle ore del primo pomeriggio, andando incontro alle esigenze del turista ma soprattutto del lavoratore, stremato dalla fitta tabella di marcia cinese.

Han Yue, manager operativo presso Xiangshui Space si esprime: “E’ un’innovazione che va incontro ad una corposa domanda, vista la difficoltà di molti professionisti nel trovare un posto adeguato per poter riposare”

M.Valentina Colasuonno