Ragazza tedesca di 16 anni scappa per unirsi all’ISIS ma viene catturata a nelle rovine di Mosul

Si ritiene che un adolescente tedesca sia scappata per aderire all’ISIS e che sia stata catturata nelle rovine di Mosul, Iraq.

Linda Wenzel, la 16enne tedesca è stata trovata in un tunnel insieme ad altre donne, alcune delle quali indossavano vesti con all’interno delle bombe esplosive e alcune armi automatiche.

Tra le persone detenute vi erano donne provenienti da Russia, Turchia, Canada e Cecenia, tutte catturate durante un’operazione militare avvenuta lo scorso Giovedì.

Wenzel è originaria di Pulsnitz, vicino a Dresda, ed è scappata in Siria dopo essersi innamorata di un musulmano che viveva lì.

I suoi amici hanno dichiarato che prima di fuggire dalla Germania, Linda aveva imparato l’arabo e portava ogni giorno il Corano a scuola con sé.

Alla sua famiglia aveva detto che andava a stare con degli amici, invece si diresse alla banca più vicina per prelevare denaro dal conto dei genitori dopo aver falsificato una lettera per fingere di essere sua madre.

Le autorità tedesche, che l’hanno elencata come una potenziale terrorista dopo la sua scomparsa, hanno confermato che stanno esaminando le foto di lei catturata a Mosul per determinare se sia realmente lei la ragazza schedata dall’intelligence tedesca che la teneva d’occhio da quando aveva mostrato simpatie per l’ISIS attraverso delle chat room, per mezzo delle quali si teneva in contatto con alcuni esponenti dello Stato Islamico.

Al momento della sparizione di Linda, la madre confidò: “Le hanno fatto il lavaggio del cervello, spero che riusciremo a farla tornare indietro“.

Mario Barba