Cancellato concerto di Justin Bieber in Cina per “cattivo comportamento”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:09

Sul fronte della musica internazionale, la notizia riguardante la decisione del governo di Pechino di vietare l’esibizione del famoso cantante pop Justin Bieber ha diviso l’opinione pubblica locale.

I moltissimi fans del cantante canadese non lo vedranno, infatti, esibirsi nella tappa prevista a Pechino del suo tour mondiale, per veto esplicito del governo, a causa della condotta non tollerabile dell’artista durante il tour del 2013. Justin Bieber si era, infatti, già esibito quattro anni fa a Shanghai, Pechino e Dalian, nel nord-est del Paese, facendosi parlare di sé per alcuni comportamenti “stravaganti”, che di fatto hanno suscitato anche molte critiche del pubblico.

Da qui, la decisione del governo cinese, che già in precedenza aveva vietato l’esibizione di alcuni altri artisti di fama internazionale per motivi affini: oltre ad un linguaggio “non appropriato, fra i comportamenti ritenuti dal governo meno conformi alla pudicizia e al comune senso di rispetto e decoro, ci sono alcune “goliardate” dell’artista, fra cui: il rimanere a petto nudo sul palco, il farsi portare a spalla da un bodyguard lungo la muraglia cinese e il girare in segway per la città di Pechino sempre senza maglietta.

La decisione è stata presa dall’ufficio municipale della cultura di Pechino nell’interesse “degli standard imposti, dell’ordine e della necessità di fare pulizia sulle esibizioni artistiche”.

M.Valentina Colasuonno