Spagna: nota cacciatrice si toglie la vita

E’ stata trovata morta, nella sua residenza di campagna a Huesca, Spagna, la ventisettenne cacciatrice Melania Capitan, volto noto nel panorama cinematografico e social spagnolo degli ultimi anni. Blogger molto attiva, aveva un seguito di circa 36 mila sostenitori su Facebook e oltre 8 mila su Instagram. Una passione insolita, la caccia, trasmessale dal padre, la caratterizzava sin da piccola, nel bene e nel male.

Infatti, la vita sotto i riflettori attira anche i cosiddetti “haters”, che ormai da anni la perseguitavano sui social, fortemente critici di fronte alle sue dichiarazioni provocatorie e agli scatti che pubblicava. Animalisti o meno, alcune critiche molto pesanti avevano spesso minato in passato la determinazione e lo spirito di Melania, come riferiscono fonti vicine alla vittima.

Leggiamo su ‘El mundo’ il commento di Santiago Ballesteros, avvocato che si è occupato del caso:

“L’anno scorso la Capitan trovò il coraggio di denunciare alcune molestie subite su Internet: aveva ricevuto più di 3.000 commenti offensivi su Facebook con l’unico scopo di intimidire. Ma la denuncia fu poi depositata, perché non si riuscivano a determinare l’autorevolezza e la paternità dei commenti. Le vittime denunciano una sola volta, poi si stancano”

Ma la causa del suicidio, per mezzo del suo fucile, non è apparentemente da ascrivere a questa motivazione. Fonti vicine alla vittima confermano, infatti, i suoi problemi personali come causa dell’atto sconsiderato.

M.Valentina Colasuonno