Afragola: è un 17enne l’autore dell’omicidio Ferrara-Rusciano

È un ragazzino di 17 anni originario di Melito di Napoli (Na), A. I., uno dei due presunti autori dell’omicidio di Luigi Ferrara e Luigi Rusciano, i due capobanda del business del contrabbando di sigarette attivi ad Afragola, alla periferia nord di Napoli, brutalmente assassinati lo scorso 31 Gennaio.

Secondo le accuse della Procura dei minori l’adolescente, con la complicità di una seconda persona, avrebbe massacrato e fatto a pezzi i corpi dei due boss.

Nel frattempo dalle indagini è emerso che il minore, cresciuto nel rione-bunker della cittadina campana noto come “I Mattoni”, dove i giorni si consumano a delinquere, è un ragazzino che ha vissuto per strada, non ha frequentato la scuola, figlio di un padre ex contrabbandiere, allevato da familiari che fanno lavori saltuari e si guadagnano il pane attraverso piccole attività illecite.

Il giovanissimo lo scorso Novembre aveva conosciuto un boss del rione, tale Domenico D’Andò, sempre attivo nel contrabbando, che aveva eletto a suo protettore e mentore.

Insieme a quest’ultimo A. I. si è dato alla malavita, ha cominciato a guadagnare soldi, potere e rispetto.

Adesso dovrà rispondere alla giustizia di uno dei crimini più efferati narrati dalla cronaca negli ultimi tempi.

MDM