Londra: bimbo ucciso a botte dal compagno della madre

È di oggi una notizia proveniente dall’Inghilterra, riportata dal portale di notizie Metro news, che riferisce della morte di un bimbo di appena cinque anni, causata dal brutale pestaggio da parte del compagno della madre, Lilya Breha.

Pare che l’uomo, Marvyn Iheanacho, lo scorso 20 Novembre, in un terribile accesso d’ira abbia picchiato a morte il piccolo Alex Malcom, perché il bambino aveva perso una scarpetta da ginnastica, mentre si trovavano nel parco di Catford, nella parte sud-est di Londra.

A causa delle percosse il bambino ha riportato ferite gravi alla testa e allo stomaco che non gli hanno lasciato scampo.

Lo stesso Iheanacho avrebbe portato Alex a casa della madre in taxi e questa, resasi conto dell’accaduto, nonostante l’uomo avesse tentato di impedirglielo, è riuscita a chiamare un’ambulanza.

Trasportato d’urgenza prima al Lewisham Hospital, poi al King’s College, i sanitari dell’ospedale hanno tentato inutilmente di rianimarlo; il bimbo è morto due giorni dopo l’aggressione.

L’autore del gesto efferato è stato condannato con l’accusa di omicidio dalla Woolwich Crown Court; dovrà scontare una pena minima di 18 anni di reclusione.

Non è certo questo un caso isolato di violenza sui minori si calcola infatti che nel mondo, ogni cinque minuti, un bimbo muoia per le violenze subite.

Dai dati purtroppo emerge che i casi di maltrattamenti fisici e psicologici sono aumentati e che quando non vengono riconosciuti e risolti tempestivamente, spesso causano la morte dei piccoli.

MDM