“Grazie a Dio sono fascista”, bufera su una maestra piemontese

Un post sulla propria pagina Facebook, dal contenuto inequivocabile: il proprio orgoglio nel definirsi fascista. E’ quanto esternato sul più comune dei social network da una maestra di Rivarossa, che insegnava in alcune scuole elementari del Cavanese, in Piemonte.

L’insegnante si chiama Alessandra Pettorruso, ha 40 anni, e in un post su Facebook ha detto chiaramente di “ringraziare Dio ogni giorno per avermi fatto fascista”. Una frase che ha scatenato un pandemonio, anche perchè il post è finito su alcune testate locali: la docente è stata segnalata alla Polizia Postale e all’Ufficio Scolastico regionale e il suo profilo Facebook nei giorni scorsi è stato oscurato.

Dopo opportune indagini, infatti, è emerso che il profilo della 40enne era praticamente zeppo di contenuti inneggianti al fascismo. La Pettorruso aveva anche pubblicato un’immagine di Mussolini, con la seguente scritta: “Quando ti rendi conto di andare contro tutto e tutti…capisci di essere dalla parte giusta”.

Sul piede di guerra il PD locale, che parla apertamente di apologia del fascismo. “Castellamonte, città decorata con la medaglia d’argento alla Resistenza, nelle sue aule scolastiche meritava frequentazioni migliori”, dicono i Democratici.

La docente ha provato a giustificarsi dapprima tramite un’intervista, poi con un secondo post su FB dove provava a difendere le sue posizioni. Il tutto senza convincere la polizia postale e le autorità.