Gina Lollobrigida: “Fidel Castro mi corteggiò. Fu corretto, quasi timido”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:01

Amata, ammirata e lungamente ricordata nel cinema mondiale. Gina Lollobrigida, oggi 90enne, è una delle icone italiane più longeve ed apprezzate. I suoi trascorsi parlano di pellicole indimenticabili e di apparizioni nei più importanti eventi cinematografici del mondo.

Adesso, Gina Lollobrigida sarà l’ospite d’eccezione del National Award, il premio che Gian Luigi Rondi ha ideato e al quale prenderanno parte, tra gli altri, Gerard Depardieu, Fernand Ozpetek e Carole Bouquet. E’ proprio in occasione della presentazione del festival che, Lollobrigida, si è concessa a qualche rapida intervista. Da giovane- ha detto- volevo diventare una cantanteperché avevo una grande estensione di voce, oppure una scultrice. Poi con De Sica ho capito che si potevano fare delle opere d’arte al cinema”.

“C’è stato anche un momento in cui ho fatto anche un pò di politica- ha proseguito- e mi sono resa conto che in politica la sincerità è il peccato mortale: avevo sbagliato direzione.” Però di quel periodo le restano alcuni ricordi particolarmente bizzarri, come la corte che ricevette dal leader Maximo, Fidel Castro: “E’ stato corretto, addirittura quasi timido”, ha raccontato. Oltre a lui anche Saddam Hussein, che la invitò ad un festival in Iraq: “Ricordo solo che tutti gli invitati italiani li mise in un albergo, e a me, sola, nel palazzo del governo, in una camera enorme – ha affermato sorridendo – Ma di lui non mi ricordo neanche la faccia”.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!