Decreto vaccini, tre deputati PD aggrediti dai manifestanti

Aggrediti e insultati. E’ accaduto quest’oggi, intorno alle 12:30, all’esterno di Montecitorio, dove tre deputati del Partito Democratico hanno dovuto subire l’ira di alcuni dei manifestanti “no-vax” che stazionavano al di fuori dello storico palazzo romano.

Elisa Mariano, Ludovico Vico e Salvatore Capone erano appena usciti da Montecitorio per raggiungere un’auto parcheggiata a poca distanza, quando alcuni manifestanti si sono avvicinati e hanno chiesto se fossero deputati e come avevano votato in merito al decreto vaccini.

“Vico e Capone hanno capito che erano male intenzionati e non hanno risposto – racconta Elisa Mariana al quotidiano “La Repubblica” – A quel punto i manifestanti hanno cominciato ad insultare gridando ‘assassini’ e ci hanno aggredito”.

I tre non hanno potuto far altro che rifugiarsi all’interno di una vettura, che è stata presa a calci e pugni dai manifestanti inferociti. Fino all’intervento provvidenziale della Digos, come racconta la Mariano: “Noi ci siamo rifugiati nella macchina, che però è stata circondata e presa a calci e pugni. Questo è durato diversi lunghi minuti finché finalmente è intervenuta la Digos, con degli agenti in borghese”.

Unanime la condanna dal mondo politico. Il segretario del PD, Matteo Renzi, in un tweet ha definito l’accaduto “un atto di follia pura”, mentre Ettore Rosato ha parlato apertamente di “metodi fascisti”. Condanna anche dal M5S: “Fatto ingiustificabile”.