Brescia, getta benzina sulla moglie e cerca di darle fuoco: 45enne arrestato

Sfiorata la tragedia a Caino, paese in provincia di Brescia, dove un 45enne ha cercato di bruciare viva la moglie gettandole addosso della benzina.
L’uomo, un 45enne del paese, è finito in manette
in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare dopo l’avvenuto. Il 17 luglio l’uomo aveva cercato di dare fuoco alla moglie, le aveva gettato addosso della benzina. Solamente l’intervento dei vicini di casa aveva evitato che il peggio potesse avvenire.

La donna era andata dai carabinieri di Nave ai quali aveva denunciato una storia familiare di violenze: anni di soprusi, secondo il suo racconto, anche nei confronti dei due figli della coppia. All’uomo sono state sequestrate una tanica di benzina, una pistola finta, una mazza da baseball, una motosega ed un coltello.

Il 45enne bresciano è stato arrestato. L’accusa è quella di violenza in famiglia, violenza che proseguiva da anni verso la moglie (che non aveva mai denunciato fino a luglio) e dei due figli. Il 17 luglio, solamente l’intervento di due vicini di casa ha salvato la donna dal pericolo di morte Da quel momento la donna ha trovato il coraggio di denunciare i soprusi del marito che ora è stato accusato di violenze e maltrattamenti in famiglia per gli insulti, vessazioni e intimidazioni che riservava ai membri della sua famiglia.

Roversi MG.