USA, tre guardie denunciate per aver torturato un detenuto con un Taser

Nella prigione della contea di Cheatham, Tennessee, tre guardie sono state sospese dal servizio dopo la fuoriuscita di un video che le riprende a torturare un detenuto. Sarebbe l’ennesimo episodio di violenza e mancanza di sicurezza nelle carceri.
Il video riprende gli ufficiali che legano ad una sedia l’allora diciottenne Jordan Elias Norris, e bloccandolo lo feriscono su gambe e addome con un Taser, provocandogli diverse bruciature da scarica elettrica. Il ragazzo ora ha denunciato la prigione per violenza con i detenuti, mancanza di protezione e violazione dei diritti civili.

Jordan Elias Norris, che era stato arrestato nel novembre 2016 per possesso di droghe e reati d’arma da fuoco, racconta ora l’accaduto affermando che la tortura era inflitta con sadismo, e riporta le frasi delle guardie mentre lui gridava aiuto o invocava addirittura la morte: “Puoi urlare quanto vuoi, continueremo finché ci saranno batterie” oppure “smettila di opporre resistenza”.

Lo sceriffo Mike Breedlove dichiara alla comunità: “Come sceriffo, voglio che i nostri cittadini sappiano che qualsiasi comportamento inappropriato che possa aver violato i diritti di un individuo non sarà tollerato nel nostro istituto penitenziario. Ho messo i dipendenti coinvolti in congedo amministrativo mentre l’indagine è condotta. Lavoreremo in stretta collaborazione con il TBI e con l’avvocato distrettuale per assicurare che tutti i fatti siano correttamente forniti e che tutti i cavilli di questo incidente siano accuratamente investigati”.

M.Valentina Colasuonno