Tenno, 24enne uccide la fidanzata di 22 anni e si spara: non accettava la fine della relazione

Tragedia a Tenno, dove un ragazzo di 24 anni ha sparato ed ucciso la sua ragazza, di 22 anni. Nella cornice meravigliosa del paese trentino sul lago di Tenno, è avvenuto un tragico fatto di sangue. Mattia Stanga, 24 anni, operaio e volontario per i Vigili del Fuoco, ha impugnato una pistola e ha sparato alla sua ragazza Alba Chiara Baroni, 22 anni.
Non accettava la fine della relazione durata sei anni: lei aveva deciso di lasciarlo. Dopo ben sei anni di fidanzamento, erano cominciati i primi dissidi, dei quali le famiglie erano a conoscenza.

Ma nessuno avrebbe immaginato che il ragazzo avrebbe sparato alla giovane con la sua pistola per uso civile e sportivo, regolarmente acquistata e detenuta. Il 24enne ha sparato alla ragazza e quindi si è rivolto la pistola alla tempia. I vicini hanno sentito gli spari, almeno quattro, e delle urla ed hanno chiamato i carabinieri, pensando che ci fosse stata una rapina. Nel bagno al piano superiore i due sono stati trovati senza vita. La tragedia è avvenuta nella casa di famiglia del ragazzo.
Dall’analisi del telefono, sembra che lei sia corsa da lui perché Mattia aveva minacciato di uccidersi. Quando è arrivata, le ha sparato.

I due giovani si conoscevano fin da bambini. Lui era operaio alla cartiera di Riva del Garda e la Baroni lavorava come barista all’Hotel Mirage, sempre a Riva del Garda. Tutti in paese li conoscevano. “Erano persone oggettivamente limpide, inserite nella comunità. E’ davvero difficile da credere, è un dramma che ferma il tempo, al punto che non si capisce se sia un incubo o realtà” ha commentato il sindaco, Gian Luca Frizzi.

Roversi MG.