La famiglia rom di Bergamo con un patrimonio di 50 milioni e tasse mai pagate

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:00

Gli Horvat-Nicolini sono una famiglia rom che vive nella bergamasca, e che è finita nel mirino della Guardia di Finanza dopo che sono state riscontrate delle forti irregolarità circa i suoi 74 componenti. I carabinieri e la GdF di Bergamo hanno rilevato che il patrimonio della famiglia è enorme, specie rispetto alle attività ed ai redditi dichiarati fra il 1985 ed il 2015. Infatti patrimonio della famiglia Horvat-Nicolini sono 1600 macchine, per un totale di quasi 30 milioni di euro.

La famiglia, per quanto riguarda gli adulti, non ha mai lavoratori legalmente. In compenso 37 dei componenti hanno ottenuto ben 294 deferimenti da parte dell’autorità giudiziaria. Per il 50% dei casi si tratta di reati contro il patrimonio, come truffa e usura.La famiglia Horvat-Nicolini ha dichiarato, fra il 1985 ed il 2015, 117mila euro come redditi totali: come se ognuno dei partecipanti avesse guadagnato solo 99 euro all’anno.

L’amministrazione finanziaria ha invece rilevato che gli Horvat-Nicolini hanno redditi non dichiarati per 6,8 milioni di euro. In totale, fra i redditi da loro dichiarati e quelli realmente posseduti ci sarebbe una sproporzione di oltre 50 milioni di euro.
Il tribunale ha disposto sei sorveglianze speciali con obbligo di dimora nel comune, il sequestro di 1 milione e 133mila euro. Tre persone son state denunciate per reato di trasferimento fraudolento dei beni.

Roversi MG.