Roma è nel degrado: più di tre romani su quattro pensano che la città sia in declino

Roma è percepita come una città in decadenza: una decadenza lenta, ma comunque costante, come inarrestabile. Questo è il triste risultato di un sondaggio condotto da SWG per Il Messaggero, secondo il quale il 76% dei romani, cioè più di tre romani su quattro, ritengono che ormai la città sia al catafascio. 
Anche gli elettori di Virginia Raggi, attuale sindaco di Roma, sono in uno su due d’accordo sul fatto che la città ormai sia in piena decadenza. 

I problemi che sono più sentiti per i cittadini sono quelli della gestione dei rifiuti, dei trasporti, della pulizia delle strade. 
Sono in tanti a sentire i segni del declino della capitale, soprattutto i giovani fino a 30 anni (80% di loro pensa che Roma sia in totale degrado) e i ceti medio bassi che vivono la città (81%).

Ma anche il Movimento 5 Stelle comincia a percepire che la Capitale sta andando a rotoli; ciò nonostante i più critici nei confronti della situazione nella quale versa la Capitale sono gli elettori che votano centro destra (il 91% percepisce Roma in declino) seguiti dagli elettori del centro sinistra (che pensano così all’87%) e poi i grillini. Il 61% dei grillini è convinto che la città non stia andando per nulla bene. A peggiorare la nomea di Roma all’estero anche il New York Times che scrive in queste settimane “La pioggia scarsa e gli acquedotti con perdite croniche stanno mettendo i romani di fronte al rischio di razionamento dell’acqua” ed enuncia “le pessime condizioni della rete idrica romana, notevolmente danneggiata”.

Roversi MG.