Bologna, ragazza nuda: falliscono le collette per pagare la multa

La scorsa settimana una ragazza aostana aveva guadagnato l’attenzione dei social e le prime pagine di tutti i giornali quando i video e le foto che la riprendevano mentre camminava completamente nuda per le strade di Bologna sono diventati virali. La bravata è costata cara alla giovane che, fermata ed identificata dalla polizia ferroviaria, si è presa una multa salatissima. A nulla è servito spiegare alle forze dell’ordine che non si trattava di un semplice atto di esibizionismo, ma di una terapia consigliata dallo psicoterapeuta (da apprezzare la fantasia quantomeno) per vincere l’insicurezza.

La vicenda ha suscitato tanto clamore che i sostenitori della giovane hanno deciso di aprire due pagine internet di raccolta fondi per permetterle di pagare la multa. Purtroppo per lei, però, gli stessi che si sono goduti lo spettacolo offerto dalla ragazza non sono stati molto propensi a mette mano al portafoglio (in questi giorni sono stati raccolti solamente 15 euro) e le due iniziative di crowfunding sono state chiuse. Insomma per la ragazza un’altra dura lezione imparata, tutti amano guardare un corpo giovane e tonico, ma sono pochi quelli che sono disposti a pagare lo spettacolo se già ne hanno usufruito gratuitamente, quindi una prossima volta le conviene fissare il prezzo del biglietto.