Linda Wenzel rischia la condanna a morte, ecco il video della cattura

In questi giorni è emerso un video che mostra le recenti condizioni di Linda Wenzel, una sedicenne tedesca che lo scorso hanno ha lasciato la patria per unirsi all’Isis. Le immagini mostrano la ragazza che viene scortata dai soldati dell’esercito iracheno dopo averla trovata in un nascondiglio nascondiglio. Nel prosieguo del video si sente la giovane sposa dell’Isis che urla dal dolore quando viene colpita ad una caviglia da un proiettile sparato durante un raid aereo.

A questo punto le immagini diventano confuse ed in mezzo alla baruffa si sente un uomo dell’esercito che urla: “Fate spazio, fate spazio lei è cristiana, non ce la fa più, è debole, è ferita, è bionda ed è tedesca. Il suo nome è Dania, non si chiama Linda. Allah, Allah, fa che questi ragazzi trovino la via e la lascino andare“. Quello che è accaduto dopo questo video è un fatto di cronaca: Linda è stata imprigionata e processata, quindi, essendo stata giudicata colpevole poiché membro dell’Isis, potrebbe subire una condanna a morte.

Il governo tedesco, a conoscenza di tutta la vicenda, vorrebbe evitare che la ragazza venisse uccisa e sta intavolando delle trattative diplomatiche affinché venga permesso il rimpatrio della giovane. Linda era andata in Iraq lo scorso anno quando, entrata in contatto con un foreign fighters, aveva deciso di convertirsi all’islam e diventare sua moglie. Presto, però, è rimasta vedova perché il marito è stato ucciso durante un’attacco delle forze alleate e da quel momento desidera tornare a casa senza riuscirci.

La ragazza, infatti, ha dichiarato più volte di essersi pentita della scelta fatta e che il suo unico desiderio è quello di tornare a Pulsnitz (Sassonia) per ricongiungersi con la famiglia. Difficile dire quante speranze abbia la ragazza di tornare in patria, il margine di speranza è dato dal fatto che non sono ancora state trovate prove che la colleghino all’attività terroristica svolta dal marito.

F.S.