Margherita, 24 anni, scivola nel dirupo sull’Adamello e muore davanti agli occhi del fidanzato

Aveva solamente 24 anni Margherita Nardone, la studentessa di Roma che è morta ieri cadendo in un canalone sull’Adamello. La ragazza si trovava sul sentiero fra il rifugio ‘Maria e Franco’ ed il Lissone, quando è scivolata sul sentiero bagnato cadendo in uno strapiombo per duecento metri. Una caduta fatale per la ragazza che si trovava sul sentiero di Passo Ignana assieme al suo fidanzato. La ragazza ed il giovane sono stati sorpresi da un forte temporale.

Quando lei è caduta, subito è stato dato l’allarme dall’amico che si trovava con loro e che ha assistito alla scena, ma l’elicottero in una prima fase non ce l’ha fatta ad avvicinarsi, perché il temporale era forte. Solamente al secondo tentativo sono riusciti a recuperare il corpo di Margherita Nardone.
La tragedia è avvenuta nel mezzo di un forte temporale. Per la povera ragazza non c’è stato nulla da fare. Il fatto è avvenuto domenica poco prima di mezzogiorno.

Inviate sul posto dalla Centrale operativa le squadre territoriali del Soccorso alpino, Stazioni di Media Valle, Breno ed Edolo. Il corpo della ragazza è stato ricomposto e riportato a valle, e si trova all’obitorio di Edolo. I carabinieri di Cevo hanno raccolto la testimonianza verbale del fidanzato della giovane che ha raccontato la dinamica della tragedia.
La giovane aveva 24 anni e studiava a Roma, dove viveva.

Roversi MG.