Ragusa, appiccavano roghi per guadagnare 10 euro all’ora: indagati 15 Vigili del Fuoco volontari

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:29

Sono sotto indagine quindici vigili del fuoco volontari di Ragusa del Distaccamento di Santa Croce Camerina, dopo che la Procura ha sospettato che questi ultimi abbiano appiccato volontariamente il fuoco a diversi boschi della Regione solamente per poter ricevere la paga di 10 euro all’ora, che è la cifra pagata dallo Stato ai Volontari del corpo dei Vigili del Fuoco.

Le indagini sulla vicenda sono iniziate dopo una segnalazione del comando provinciale dei Vigili del Fuoco di Ragusa che aveva notato che quella squadra faceva un po’ troppi interventi rispetto alle altre. L’accusa è stata lanciata dalla procura di Ragusa ad una squadra intera di volontari formata da 15 persone. Il capo del gruppo si trova agli arresti domiciliari.

Secondo le indagini l’uomo, con la complicità dei colleghi, si assentava durante il turno, andava al furgoncino e quindi appiccava gli incendi. Quindi veniva lanciato l’allarme ed egli usciva con l’autobotte per spegnere le fiamme, percependo così l’indennità. Sono gravi accuse, specie se si pensa che l’intera Sicilia sta bruciando da settimane; solamente ieri ci sono stati 47 incendi da spegnere.
Ora i quindici volontari sono indagati per truffa ai danni dello Stato italiano ed una parte di essi per incendio.

Roversi MG.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!