“O ci dai soldi e documenti o bruciamo tutto”. 8 minori africani sequestrano e minacciano responsabile di casa famiglia

Attimi di paura per il responsabile di una casa famiglia a Napoli, che ospita minori non accompagnati immigrati. L’uomo è stato minacciato da otto minorenni africani che facevano parte della sua struttura.

Sono tutti ospiti di una casa famiglia per minori non accompagnati gli otto 17enni, della Guinea e del Gambia, che hanno sequestrato in casa il responsabile 50enne della struttura, bloccando l’ingresso con alcuni mobili. I minori hanno chiuso il 50enne nel suo ufficio, lo hanno costretto sul divano e quindi gli hanno intimato di consegnare loro i soldi ed i documenti personali altrimenti avrebbero dato fuoco alla cooperativa.

O ci dai soldi e documenti o bruciamo tutto” hanno minacciato gli otto. Tanta paura che però fortunatamente si è risolta in sollievo all’arrivo dei militari della compagnia di Casoria. I carabinieri sono giunti sul posto rapidamente, dopo essere stati allertati, ed hanno liberato il responsabile della Casa famiglia ed hanno arrestato gli otto 17enni. Per loro l’accusa è di sequestro di persona a scopo di estorsione. I 17enni, dopo le formalità, sono stati accompagnati in un centro di prima accoglienza di Napoli.

Roversi MG.