Assalto islamista a Gambo, strage di cristiani in Centrafrica: almeno 50 sgozzati, anche donne e bambini

Sarebbero almeno 50 le persone uccise, tutti civili, uomini donne e bambini, sgozzate dai jihadisti nella città di Gambo, in Centrafrica.

Il primo a diffondere la terribile notizia è stato Monsignor Juan Josè Aguirre, che ha dato l’allarme. Alcuni grippi islamisti avrebbero attuato una terribile vendetta nei confronti di un villaggio cristiano a Gambo. Tra le 50 vittime, anche sei volontari della Croce Rossa. La strage è avvenuta a 75 km da Bangassou, città locale, che è sotto il controllo dei ribelli Seleka. Nella zona è presente anche una delegazione ONU, che però non riesce a tenere sotto controllo la violenza.

Gli islamisti hanno assalito l’ospedale della Croce Rossa dove si trovavano tante persone in visita e medici volontari, tutti cristiani. Il Monsignore, che ha dato notizia al mondo della strage, ha commentato amaramente: “A furia di ragionare con la logica “dell’occhio per occhio” finiremo per diventare tutti ciechi. In parte sta già accadendo. Non riusciamo più a vedere con chiarezza. Confondiamo vicini, parenti, amici con dei nemici da massacrare”.

Anche Papa Francesco, nel corso dell’udienza generale, ha espresso un grande dolore per l’ennesima strage di innocenti cristiani. Bergoglio ha detto che è giunto il tempo di mettere fine a «questi crimini vergognosi».

Roversi MG.