Pyongyang: la Corea del Nord minaccia gli USA: l’sola di Guam sarà epicentro di una nuova guerra

Dal canale relevisivo iraniano in lingua spagnola HispanTV, è giunta la notizia secondo cui l‘isola di Guam, potrebbe fungere da polo di un nuovo conflitto mondiale che coinvolgerebbe Stati Uniti e Corea del Nord.

Situato nel cuore del Pacifico occidentale, a 2600 km al est delle Filippine e a circa 3400 km dalla Corea del Nord, il piccolo lembo di terra – che non rientra nello statuto territoriale degli USA -, lo scorso martedì è stato interessato dalle minacce di Pyongyang; il regime del dittatore nordcoreano Kim Yong-un ha annunciato di stare esaminando un piano per compiere un attacco missilistico contro Washington, se dall’America dovessero giungere altre provocazioni.

Tutto questo è avvenuto immediatamente dopo che il presidente americano Trump aveva minacciato Pyongyang con parole accese: se i test balistici e le minacce dovessero continuare per la Corea del Nord saranno “il fuoco e la furia, e sinceramente anche la forza, a un livello che questo mondo non hai mai visto prima”.

Ad ogni modo Washington, in via precauzionale, ha già piazzato a Guam due bombardieri strategici B-1B, a difesa anche degli alleati Giappone e Corea del Sud.

Si ricordi che proprio da Guam partirono i bombardieri B-52 che attaccarono la capitale Hanoi durante la Guerra del Vietnam (1955-1975).

Ora, gli analisti sottolineano: data l’importanza strategica dell’isola, Washington non dovrà trascurare quest’ultimo avvertimento, anche se qui l’esercito statunitense conta già 6000 soldati distribuiti in due basi, aerea e navale.

MDM