Adolescenti e immagini hard: uno studio dimostra come condiziona il loro rapporto con le donne

Uno studio dell’Università del Nebraska presentato al congresso annuale dell’Associazione degli psicologi statunitensi mostra come i primi contatti con immagini e video pornografici può condizionare il loro rapporto con il sesso opposto.

La ricercatrice Alyssa Bischmann ha condotto uno studio su un campione di circa 330 uomini tra i 17 e i 54 anni i cui partecipanti sono stati interrogati in merito al loro primo contatto con la pornografia e in seguito sottoposti ad un questionario di 46 domande; “L’obiettivo del nostro studio era esaminare come l’età della prima esposizione a materiale pornografico, e la natura di questa esperienza, potesse predire due comportamenti maschili: la promiscuità sessuale da playboy e la volontà di esercitare potere e controllo sulle donne“.

La Bischmann ha dichiarato che “Abbiamo scoperto che gli uomini che hanno fatto questa esperienza più precocemente tendono a voler controllare le donne, mentre quelli che l’hanno fatta tardivamente tendono a comportarsi più da playboy“.

La ricercatrice Chrissy Richardson ha evidenziato inoltre come la visione di materiale pornografico ha un effetto concreto sugli uomini eterosessuali e conoscere i meccanismi di questo parallelismo potrebbe aiutare molti uomini nella gestione delle loro esperienze emotive e, di conseguenza, evitare comportamenti pericolosi nei confronti delle donne.

Mario Barba