Uno studio rivela: i mojito venduti in spiaggia sono un vero e proprio “nido di batteri”

Il cocktail più amato e venduto in questo periodo dell’anno, il Mojito, a base di rum, zucchero di canna, succo di lime, acqua e ghiaccio, può essere davvero pericoloso se acquistato in posti non a norma.

Stiamo parlando di venditori ambulanti che in estate affollano le spiagge e che vendono i loro mojito a prezzi nettamente inferiori rispetto a quelli della concorrenza a norma dove un mojito può costare dagli 8 ai 20 euro.

El Pais‘, uno dei principali giornali spagnoli, ha pubblicato uno studio secondo il quale i mojito venduti dai venditori ambulanti irregolari delle spiagge spagnole, contengono batteri fecali in proporzioni davvero esagerate. Lo studio in questione è stato condotto su prodotti acquistati sulla spiaggia di Barceloneta, a Barcellona, e insieme ai mojito sono stati rilevati elevati valori di batteri anche nei panini al formaggio e prosciutto e nella sangria.

Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti“, invita la gente a riflettere sul fenomeno che, seppur in maniera minore, sta esplodendo anche nelle nostre spiagge. “Al di là degli appelli a non consumare alcol, specie tra i ragazzi, che non smetteremo mai di lanciare, non ci resta, quindi, che auspicare maggiori controlli da parte delle autorità sanitarie per effettuare le opportune verifiche sugli ambulanti di cocktail e di vivande“.

Mario Barba