Torino choc: la fidanzatina lo lascia, 15enne si spara con il fucile del padre 

Tragedia immane a Torino, dove un 15enne si è sparato con il fucile da caccia del padre per essere stato lasciato dalla sua fidanzatina. Il fatto è avvenuto a San Benigno Canavese, in provincia di Torino. Un ragazzino di 15 anni si è sparato col fucile da caccia del padre: accanto al corpo esanime, la lettera con la quale la fidanzata gli annunciava che intendeva lasciarlo. Sul biglietto non c’era la firma, i carabinieri stanno ancora indagando ma non c’era dubbio sul contenuto del messaggio: stava troncando una relazione sentimentale.

Quando i medici del 118 sono giunti a casa del ragazzo, purtroppo non c’era nulla da fare, il cuore aveva smesso di battere. Sulla vicenda indagano i carabinieri di Chivasso, sembra appurato che alle radici del suicidio ci sia una casa sentimentale.
Il ragazzo, dopo aver cenato con i genitori (secondo i quali non aveva dato segni di malessere), è salito nella camera da letto, che si trova in una mansarda al quarto piano del palazzo dove abitano.
Ha preso il fucile e si è sparato al volto.

I genitori si sono resi conto di quanto avvenuto solamente il mattino dopo. Il 15enne era il quinto di cinque figli, tre femmine e due maschi. Il ragazzo era in casa da solo coi genitori, che non hanno sentito lo sparo.
Il fucile era detenuto regolarmente dal padre, assieme ad altre 13 armi.

Roversi MG.