Positiva all’alcool test, chiama il suo avvocato: patente ritirata anche a lui

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:43

Quando si va a cena con gli amici, ad una festa di compleanno, ad un matrimonio o comunque in ogni occasione dove si tende a consumare alcolici c’è sempre la paura di dover prendere la macchina, in particolare per l’eventualità di incappare nel temutissimo alcool-test. In quel caso l’unica possibilità è affidarsi al proprio avvocato, a patto che non abbia bevuto anche lui.

E’ la storia a dir poco esilarante che proviene dalla Sardegna, e precisamente da Alghero, dove una donna è stata fermata da un posto di blocco mentre si trovava alla guida della sua auto. I militari hanno subito compreso che la donna aveva bevuto, e l’hanno sottoposta all’alcool-test, che ha evidenziato un tasso decisamente superiore al consentito. Verbale e ritiro patente.

La donna chiama il suo avvocato. L’uomo arriva, e parcheggia la sua auto a circa 200 metri, giungendo a piedi. Al suo arrivo, i carabinieri – già insospettiti – decidono di praticare l’alcool-test anche a lui: ne viene fuori che il tasso alcolico del legale era superiore di quasi tre volte rispetto al limite. Verbale e ritiro patente anche in questo caso. In seguito si saprà che anche l’avvocato era reduce da una festa con amici.

I due ‘appiedati’ non hanno potuto far altro che avvisare qualcuno ‘sobrio’ per farsi venire a riprendere.