Spettacolo, morto a 84 anni l’attivista e attore afroamericano Dick Gregory

 

 

 

 

 

 

È morto all’età di 84 anni l’attivista e attore Dick Gregory. A comunicarlo è stata la famiglia, nella giornata di sabato scorso. Gregory è stato il primo afroamericano a raggiungere il successo presso un pubblico che contemplava anche spettatori non di colore: un grandissimo traguardo in un’epoca dominata dalle lotte al razzismo. L’attore è morto all’ospedale di Washington D.C. a causa di una insufficienza cardiaca.

Dick Gregory, che si è distinto anche per il suo impegno nel campo dei diritti civili, è divenuto famoso negli anni ’60, e cioè in un periodo difficile per le persone di colore in America, a causa del razzismo. Sono proprio questi gli anni dell’impegno di Martin Luther King Jr., di cui divenne anche amico.

Il successo arrivò per lui nel 1962, quando ottenne una parte nel “The Tonight Show”. Due anni dopo scrisse la sua autobiografia, intitolata “Nigger”, con una dedica molto dolce scritta per la madre.  Dopo aver partecipato alle manifestazioni di Selma del 1965- a favore dell’ottenimento dei diritti civili per gli afroamericani- si candidò alla corsa alla Casa Bianca nel 1968. Ottenne 47mila voti e perse in favore del Presidente Richard Nixon.

Il messaggio della morte di Gregory è stato affidato da uno dei suoi undici figli, Christian, al popolo di Instagram: “È con enorme tristezza che la famiglia Gregory conferma che il loro padre,  leggenda della commedia e attivista per i diritti civili, Mr. Dick Gregory, ha lasciato questa terra questa notte a Washington DC. La famiglia apprezza il sostegno e dell’amore e chiede di rispettare la sua privacy in questo momento molto difficile. Più dettagli saranno rilasciati nei prossimi giorni – Christian Gregory ”. A riportare le causa della morte è stata la testata “The Hollywood Reporter”, che ne ha ricevuto conferma da un rappresentante della famiglia.

Maria Mento