Terremoto magnitudo 4 ad Ischia, morte due donne. 39 feriti. In salvo neonato e due bambini 

Il terremoto che ieri sera ha colpito Ischia è stato di magnitudo 4 ed ha fatto due morti. Due donne sono morte in seguito al crollo di calcinacci, una travolta dalle macerie della sua casa. La prima vittima è Lina Cutaneo, colpita dai calcinacci del crollo della Chiesa di Santa Mari del suffragio. La seconda vittima ancora non è stata identificata. Molte case sono crollate a Casamicciola: 39 sono i feriti accertati, uno è grave.

Due uomini e due donne sono stati trovati vivi sotto le case crollate, uno degli uomini era il padre dei tre bambini intrappolati sotto le macerie: sono tutti salvi, anche la madre. Due bambini di 3 e 5 anni, vivi, sono sepolti sotto le macerie a Casamicciola, mentre il terzo, neonato, è stato estratto vivo.

Tanta la paura fra gli abitanti del luogo ed i turisti che si trovavano in vacanza. I soccorsi per i terremotati sono arrivati anche dalla terraferma: il capo della protezione civile, Angelo Borrelli, ed il Capo del dipartimento dei vigili del fuoco sono in zona. La scossa è stata registrata da una profondità di soli 5 km al largo dell’isola, nel golfo di Napoli. A Casamicciola sono crollate in tutto sette palazzi. Stamattina, con la luce, è stato possibile avere un’idea dell’entità dei danni. Ricordiamo che Ischia era già stata colpita da un terribile terremoto nel 1983; causa 2300 morti.

Roversi MG.