Donna musulmana sta annegando, rifiuta l’aiuto del bagnino perché uomo: tratta in salvo da una donna

Una donna musulmana si è immersa nelle acque di Fiumaretta, a La Spezia, completamente vestita con i propri abiti, ed ha rischiato di annegare. Infatti l’acqua ha appesantito i vestiti della donna, che portava anche in braccio una bimba di tre anni. È avvenuto al bagno Nuda di Fiumaretta, vicino ad una piccola scogliera; il mare non era mosso, ma nuotare con un vestito intero non deve aver facilitato le operazioni alla donna, che si è trovata in difficoltà. A quel punto allora un uomo che era arrivato con lei, presumibilmente il marito, vedendola in difficoltà le si è avvicinato solo per toglierle la bimba dalle braccia, e quindi l’ha lasciata lì.

La donna non riusciva a muoversi nell’acqua. Il bagnino, quando ha visto la donna scivolare in acqua ed iniziare a bere l’acqua del mare, si è subito lanciato fra le onde ma la donna l’ha rifiutato, urlando ‘Via, via’. Eppure la situazione sembrava grave: la donna, pallida e senza forze, continuava a rifiutare l’aiuto del bagnino per uscire dall’acqua. L’uomo che era con lei si è rifiutato di muoversi dalla spiaggia, anche quando i bagnanti hanno cominciato a lamentarsi perché la donna era in pericolo. Alla fine un bagnino donna ha soccorso la musulmana che sembrava sempre più provata e l’ha portata fino alla battigia, dove si è sdraiata. “Il compagno della donna, è intervenuto solo dopo, quando era stata tratta in salvo; s’è avvicinato, l’ha richiamata, le ha detto bruscamente di seguirlo, senza un cenno di ringraziamento, ai soccorritori. Avevano il volto spaventato, la mamma e la sua bambina” ha detto una testimone.

Un vigile urbano ha confermato: “Senza l’intervento dei bagnini, sarebbe successa una tragedia perché la donna rifiutava di essere soccorsa: e dalla riva, l’uomo le faceva cenno di non farsi toccare. C’è da chiedersi quale sicurezza garantisca, un abbigliamento di quel tipo, in mare. Pare che la donna nemmeno sapesse nuotare”.

Roversi MG.