Cerignola, omicidio in pieno giorno: la vittima è un 46enne pregiudicato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:35

Un altro brutale omicidio scuote la Puglia. Dopo l’efferata esecuzione messa a segno a San Marco in Lamis, un nuovo caso di cronaca nera interessa la provincia di Foggia, e precisamente la città di Cerignola.

E’ stato ucciso con un colpo di fucile in pieno volto Stefano Tango, pregiudicato 46enne, originario di Cerignola, con precedenti penali per spaccio di sostanze stupefacenti armi e reati contro il patrimonio.

L’uomo si trovava nei pressi di una sala scommesse, a poca distanza dal cimitero, quando è stato raggiunto da un proiettile sparato da un fucile in pieno volto. Il 46enne è morto sul colpo.

Le forze dell’ordine intervenute sul posto sembrano propense a scartare, almeno per il momento, la pista legata alla guerra di mafia in atto nel Foggiano. La vittima aveva numerosi problemi con la giustizia ma non risulta inserita nei contesti di criminalità organizzata.

I carabinieri del Reparto operativo stanno verificando la presenza di telecamere del sistema di videosorveglianza nella zona e ascoltando parenti e amici della vittima. I militari sono infatti al lavoro per cercare di ricostruire l’esatta dinamica che ha portato all’uccisione del 46enne Stefano Tango: in particolare c’è da capire il numero dei sicari che hanno partecipato al delitto.