Pakistan, “Imagine” di Lennon ritirata dal concerto scolastico perché “blasfema”

Una scuola privata pakistana di impronta liberale, la Karachi Grammar School, durante il tradizionale concerto annuale ha eliminato dalla scaletta l’esecuzione di “Imagine”, a seguito del commento di un giornalista molto conservatore a riguardo. Come ogni anno, gli studenti erano in procinto di esibirsi, avendo pianificato l’esibizione canora del famosissimo inno alla pace che John Lennon realizzò nel 1971. La notizia del brusco cambio di rotta ha scosso il corpo studentesco, affezionato alla canzone e al messaggio di pace che contiene, più che al testo in senso stretto.

Ma il commento su Twitter di Ansar Abbasi, più di 500 mila followers, non ha lasciato scelta al dirigente scolastico, che per paura di andare contro le leggi anti blasfemia e di creare un inutile subbuglio, ha preferito rinunciare all’esibizione. Ecco come ha Twittato il giornalista, tra innumerevoli commenti di critica, più che di sostegno:

“Una scuola privata in Jarachi terrà un concerto venerì prossimo. Gli studenti canteranno le strofe di John Lennon – nessun cielo, nessun inferno, nessuna religione”.

La questione ha avuto comunque una risonanza, essendo discussa in TV e in alcuni show, come quello condotto da Orya Maqbool Jan. Il dibattito è stato alimentato dall’opinionista, secondo cui i genitori degli studenti fossero “schiavi del pensiero occidentale” e agli gli stessi ragazzi fosse stato “imposto” di cantare la canzone dalla dirigenza scolastica.

Nessun componente del corpo scolastico si è esposto a riguardo, ma il commento di una studentessa, Daanika Kamal, difende la credibilità e le intenzioni della scuola: “Il signor Abbasi ignora il vero significato di “Imagine”, che è una canzone di fratellanza e contro l’odio. La scuola ci ha introdotto questo messaggio di pace, e in un paese come il Pakistan, con la continua paura degli attacchi, è importante avere una canzone che ci unisce”

M.Valentina Colasuonno