Cordata precipita in Trentino: Cesare, 14 anni, non ce l’ha fatta. Domenica era morta la sua mamma 

Se ne è andato anche Cesare Ziboni, 14 anni, il ragazzino che aveva preso parte alla Cordata per la Cima Presanella, sull’Adamello, domenica.
Erano due famiglie bresciane e due amici, nove persone in totale, partiti la mattina dal rifugio Denza per raggiungere la cima Presanella. Le condizioni meteo erano buone, la pista non particolarmente difficile, ma poi è avvenuto un fatto tragico: una delle nove persone che trainata la prima delle tre cordate è caduta, e ha fatto scivolare gli altri.

Due alpinisti bresciani sono morti sul colpo, facendo un volo di oltre duecento metri. Si tratta di Raffaella Zanotti, 41 anni e mamma di Cesare, e Luciano Bertagna, 45 anni ed amico del gruppo.
Cesare Ziboni, 14 anni, è morto lunedì all’ospedale di Trento, attorno all’ora di pranzo. La notizia è stata diffusa solo in serata. Il ragazzino aveva riportato delle ferite gravi nel corso della caduta, e purtroppo non ce l’ha fatta. Salvo invece suo fratello, 21 anni, dimesso ieri dall’ospedale di Trento dove era ricoverato.

Sono ancora all’ospedale di Trento, ma non in pericolo di vita, uomo di 47 anni, altro amico del gruppo, una donna di 37 anni e il figlio, non ancora 14 anni, mentre il marito, 45 anni, si trova in ospedale a Bolzano.

Roversi MG.