Stupro di Rimini: trans vittima dell’aggressione riconosce i suoi assalitori

La transessuale peruviana vittima dello stupro di gruppo occorso lo scorso sabato in una spiaggia del bagno 130 di Miramare, a Rimini, avrebbe riconosciuto gli autori della brutale violenza.

Vedendo le immagini elaborate dalla polizia scientifica e dalla locale squadra mobile, la lucciola avrebbe riconosciuto “senza ombra di dubbio” gli stupratori, secondo quanto ha riferito l’ANSA, chiarendo che sulla vicenda gli investigatori intendono ancora mantenere un assoluto riserbo.

Le indagini intanto proseguono e in tribunale, a Rimini, è previsto un incontro tra magistrati italiani e polacchi.

Ad ogni modo, quanto pare sia certo è che i violentatori sarebbero tutti maghrebini: due di pelle quasi chiara, due più scuri, vestiti alla moda.

Questi, dopo aver usato violenza alla turista polacca e aver aggredito l’amico di quest’ultima, le si sarebbero avvicinati per prenderle la borsa e il guadagno giornaliero.

La notizia, sebbene non ancora confermata, dimostra che quelle che circolano in rete  in queste ore sono false foto degli autori dell’aggressione.

MDM