Arrestato il marocchino che si era masturbato su un bus addosso ad una donna: è un marocchino di 26 anni

L’uomo che si è masturbato sul bus addosso alla donna sul bus a Torino è stato arrestato. Si tratta di Mosihne Had, un ragazzo di 26 anni di origine marocchina, che è stato fermato nelle scorse ore dagli agenti del Nucleo Progetti e Servizi Mirati.
L’uomo era stato accusato di violenza sessuale ai danni di due ragazzi; era salito sull’autobus della linea 68 ad ottobre e 59 ad inizio agosto. Ora lo stesso Pm che aveva degradato l’accusa a suo carico da violenza sessuale ad atto osceno ha dato l’ok per l’accusa di violenza sessuale nei suoi confronti.

Nel secondo caso, l’uomo non era stato accusato di violenza sessuale perché secondo il Pm non c’era stato contatto, quindi solo atto osceno e non violenza sessuale.
Il Pm aveva detto che non si trattava di violenza sessuale perché “Se l’avesse toccata per masturbarsi certamente avrebbe avvertito sensazioni ben diverse dal mero calore”. La decisione del Pubblico Ministero aveva sconcertato l’opinione pubblica.

La vittima del secondo atto di violenza sul bus, la cui notizia che aveva fatto il giro del mondo, aveva detto della decisione del Pm: “Per me è stato mortificante. Alla sera non riuscivo a smettere di piangere. Ho il suo viso stampato in testa. E mi pare persino di averlo rivisto in giro”.
E inoltre la donna aveva denunciato il fatto che gli altri passeggeri fossero rimasti inerti: “Chi c’era deve avere visto tutto. E non ha detto niente”.

Roversi MG.