Bologna, il mediatore culturale del commento choc è indagato per istigazione a delinquere

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:57

Il mediatore culturale della cooperativa bolognese Lai Momo, autore di uno scioccante post su Facebook dopo i fatti di Rimini “Lo stupro? Peggio solo all’inizio, una volta si entra il pisello poi la donna diventa calma e si gode come un rapporto sessuale normale”, è stato denunciato per istigazione a delinquere.
Il 24enne Abid Jee, di origine pachistane, di Crotone, che lavorava come mediatore culturale in una cooperativa di Bologna, è stato denunciato da una donna con alle spalle un’associazione che tutela le donne abusate.

Tutto è iniziato con la nascita del gruppo Facebook «Dalla parte delle donne» nei quali post si esortavano le donne a denunciare l’ex mediatore culturale. Ecco la denuncia: “Con la presente si legge nell’appello di Manola vi comunichiamo che, in base al propagarsi di aggressioni e stupri nei confronti delle donne, in riferimento al post del mediatore culturale Abid Jee della cooperativa di Bologna e al mancato atto di difesa da parte del presidente della Camera Laura Boldrini, abbiamo formato a livello nazionale un gruppo di donne, sostenuto anche da uomini, decidendo di presentare per ogni singola persona un esposto denuncia”.

L’ipotesi di reato, nel caso in questione, si verifica perché quella frase esprimeva un giudizio favorevole ad un reato verificatosi realmente.
Il 24enne pachistano è stato iscritto nel registro degli indagati e le indagini sul caso sono state delegate dalla Procura di Bologna alla squadra mobile.
Intanto il 24enne è stato licenziato il 4 settembre dalla coop Lai Momo.

Roversi MG.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!