Stupro di Firenze, ci sarebbe anche un video

Pochi secondi di un video della violenza sessuale subita dalle due giovani studentesse americane a Firenze la notte tra il 6 e il 7 Settembre potrebbe costituire una prova schiacciante della denuncia nei confronti dei due militari dell’arma dei Carabinieri.

La ragazza di 21 anni, stuprata sulle scale, avrebbe infatti accidentalmente acceso la telecamera del suo cellulare nel tentativo di chiamare aiuto. Pochi secondi, dicevamo, di un video in cui si possono notare alcuni elementi come la fondina di una pistola, l’uniforme e le gambe dell’appuntato di 43 anni, che ha ammesso di aver avuto un rapporto sessuale con la ragazza ma che ha negato la violenza in quanto quest’ultima era consenziente.

Il video è già stato portato in procura, che lo analizzerà e determinerà la sua rilevanza ai fini dell’indagine.

In queste ultime ore l’appuntato si è dichiarato “devastato” da quanto accaduto e ha aggiunto: “Da 20 anni sono nell’Arma e aiuto le persone, anche correndo dei rischi, non so perché mi sono fatto trascinare in questa situazione“. L’uomo, insieme al suo legale, ha deciso di andare volontariamente in procura per farsi interrogare. Il suo collega più giovane, invece, continua a negare il presunto rapporto sessuale consumato all’interno dell’ascensore insieme all’altra studentessa americana.

Mario Barba