Caserta, accoltella a morte il padre per difendere la madre: arrestato 28enne

Non poteva più accettare di vedere la sua povera mamma continuamente picchiata e offesa. Per questo, all’ennesimo episodio di violenza, si è scagliato contro suo padre, accoltellandolo a morte.

E’ la tragica storia che giunge da Caserta, dove un 28enne, Daniele Leggiero, è stato arrestato questa mattina dalle forze dell’ordine per l’omicidio di suo padre Giuseppe, 50 anni, imprenditore caseario. Leggiero si trova ora agli arresti domiciliari.

La moglie di Giuseppe e il figlio Daniele avevano portato subito l’uomo all’ospedale, raccontando ai medici di un “incidente sul lavoro”. Per l’uomo ogni tentativo di salvataggio è risultato vano: Giuseppe Leggiero è morto in ospedale.

La versione fornita dai familiari non ha convinto fin da subito i carabinieri del nucleo di Caserta, che hanno interrogato a fondo la donna e il 28enne. All’inizio, la moglie della vittima ha raccontato di aver colpito lei il 50enne, a causa del suo carattere violento e delle continue aggressioni fisiche e minacce verbali di cui era stata vittima negli anni. Ma anche questa versione presentava delle evidenti falle: gli inquirenti hanno successivamente capito che a compiere il gesto era stato il figlio. Stando a quanto ricostruito dai militari, il giovane avrebbe tentato di bloccare il padre in tutti i modi, fino a colpirlo con un coltello al torace.