Arabia Saudita, svolta storica: le donne potranno guidare. La popolazione in festa nelle piazze

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:26

Svolta storica in Arabia Saudita: da oggi in poi le donne avranno il diritto di guidare. Il principe Mohammed bin Salman ha rimosso uno dei tanti divieti che l’Arabia Saudita impone alle suddite di sesso femminile: quello di avere un’auto e guidare. A noi occidentali questo sembra molto scontato, ma per una donna saudita fino a ieri era impensabile che qualcuno le desse le chiavi dell’auto. Se la donna guidava, poteva essere arrestata e condannata.

Le prime, timide riforme di uno dei regimi più oppressivi e liberticidi del mondo, l’Arabia Saudita, sono comunque un buon segnale. La popolazione ha accolto molto bene la notizia del decreto reale che permette alle donne di guidare: la gente si è riversata in strada per ballare e per suonare all’impazzata i clacson delle auto.
L’annuncio del decreto reale che ha rimosso il divieto di guida per le donne è stato dato da Riad e Washington in contemporanea. Il decreto non è ancora operativo, si stima potrà esserlo dall’anno prossimo.

Il motivo di un piano così rivoluzionario, che fino a qualche anno fa sarebbe stato impensabile? Il fatto che la popolazione è cambiata. Il 65% della popolazione saudita ha meno di 30 anni, studia, viaggia, ha aperto la sua mente e ammira l’Occidente. La crisi economica ha inoltre scalfito la casa dei Saud che ora deve fare delle scelte per rinnovare un po’ questo regime wahabita e spesso anacronistico e liberticida, se non vuole essere travolto. In quest’ottica il principe Mohammed bin Salman ha introdotto un programma di riforme economiche che aumenta la partecipazione delle donne all’economia. I primi spiragli di luce verso la libertà della donna, seppure in ritardo di un secolo rispetto all’occidente.

Roversi MG.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!