Turisti fanno volare un drone sull’Altare della Patria: uno di loro è stato denunciato

 

 

 

 

 

 

 

 

Fermato e denunciato con l’accusa di aver violato le norme sulla navigazione aerea. È quanto accaduto nella giornata di ieri ad un turista 36enne che si trovava in compagnia di una donna e stava visitando la nostra capitale da circa due giorni. La coppia, come si è scoperto, non ha precedenti penali. L’uomo ha indebitamente utilizzato un drone, facendolo volare in Piazza Venezia e nello spazio aereo che sovrasta l’Altare della Patria.

Il piccolo dispositivo ha messo in allarme i vigili che hanno allertato i Militari dell’Esercito che sono deputati a portare avanti l’operazione “Strade Sicure” e gli agenti del Gruppo Trevi della Polizia di Roma Capitale. Dapprima fermo in volo stabile su Piazza Venezia, il drone si è mosso pochi secondi dopo verso il Monumento dedicato al Milite Ignoto, sorvolando la scalinata e salendo più in alto. Il tutto è accaduto intorno alle ore 21:00.

Le Forze dell’Ordine hanno prima individuato l’uomo, posto al centro della Piazza ed intento ad osservare il drone in volo, e poi, dopo averlo identificato ed avergli fatto disattivare il drone, lo hanno portato al comando dove è stato messo di fronte alle sue responsabilità. L’uomo si è giustificato e  ha dichiarato di non conoscere le norme in materia di volo su Roma, ma questo non è servito ad evitargli una denuncia. Il drone, un sofisticatissimo strumento di ultima generazione, è stato sequestrato. È proprio il caso di dire che, ovviamente, la legge non ammette ignoranza.

Maria Mento

Notizie Correlate

Commenta