Un ragazzo di 16 anni viene filmato mentre uccide con un solo pugno un uomo – VIDEO

Un adolescente è stato imprigionato per tre anni dopo essere stato filmato mentre uccide un uomo con un solo pugno.

Connor Stewart, 16 anni, ha colpito Michael Rhodes, 47, mentre faceva il gradasso davanti ad un gruppo di amici che hanno ripreso la scena con il telefonino. Nel video si vede il 47enne mentre alza le mani per proteggersi prima di essere colpito dal pugno del ragazzo che lo lascerà sanguinante sul pavimento con il cranio fratturato. In seguito si vede il ragazzo fuggire mentre Rhodes muore agonizzante sulla strada.

La corte suprema di Preston ha dichiarato che il ragazzo si era inizialmente difeso dicendo che si è trattato di legittima difesa.

Forse il modo più semplice per descrivere le azioni dell’imputato è dire che stava giocando a fare il grande davanti al suo gruppo di amici. Sappiamo che la vittima era oggetto di scherno perché era nota per essere un tossicodipendente. L’uomo tuttavia non si reggeva in piedi, è stato un bersaglio facile“.

L’uomo è stato portato al ‘Royal Preston Hospital‘, dove è rimasto in condizioni critiche per settimane prima della sua morte.

In difesa del ragazzo, Julie Taylor ha detto che Stewart era un giovane travagliato, esposto alla violenza domestica sin da quando era piccolo, prima che sua madre e suo padre si separassero quando era un giovane adolescente.

Il giudice Mark Brown ha però sentenziato: “Si tratta ovviamente di un caso molto tragico e riconosco che non hai avuto intenzione di uccidere il signor Rhodes o di fargli seriamente del male. Tuttavia, eri disposto ad usare la forza e lo avete fatto mostrandolo ai vostri amici, e lui è morto a causa della vostra condotta violenta nei suoi confronti. Sebbene avesse problemi con droghe e alcol, non era una persona violenta e si sarebbe sempre astenuto dal conflitto“.

Mario Barba