Sacchetti bio per pesare frutta e verdura, dal 1 gennaio saranno a pagamento: 10 cent l’uno

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:54

Torna il salasso sulla spesa, una delle variabili che impatta di più sull’economia delle famiglie italiane.
Ad aumentare il costo medio della spesa, adesso, anche i sacchetti di plastica per pesare frutta e verdura, che a partire dal 1 gennaio dovranno obbligatoriamente essere degradabili (al 40%, poi man mano la percentuale salirà) e costeranno 10 centesimi a sacchetto.

Non si tratta né di una bufala né di uno scherzo ma di una disposizione contenuta nel decreto 91/2017 disposizioni urgenti in materia di crescita economica nel Mezzogiorno, approvato il 1 agosto 2017 alla Camera dei Deputati. Basta pensare che si potranno acquistare diversi sacchetti (tutti diversi, ovviamente) per della frutta e della verdura, alla fine il costo della spesa sale di una media di 40-50 centesimi a spesa. Regalati solo per l’imballaggio. Lo vuole l’Europa: c’è una direttiva europea da rispettare pena una costosa procedura d’infrazione. Nella direttiva si legge che ‘le nuove buste non potranno essere distribuite gratuitamente e il prezzo di vendita dovrà risultare dallo scontrino o dalla fattura di acquisto delle merci’.

Multe severe, che partono da 2.500 euro e arrivano a 100mila, per i punti vendita che non osservano la disciplina.
La denuncia arriva da Federdistribuzione come segnala il giornale Italia Oggi. “I sacchetti in plastica ultraleggera per l’ortofrutta non dovrebbero essere considerati alla stregua di un imballaggio. Inoltre si porrebbero problemi igienici se, per risparmiare, ci si portasse da casa i sacchetti usati. Ma finora sono state parole al vento. Nonostante una ricerca condotta dalla Academy of Nutrition and Dietetics sostenga che esiste la possibilità che germi e batteri rimangano intrappolati nelle maglie delle borse riutilizzabili. La questione è importante, specie per quegli alimenti che saranno consumati crudi, per cui ci potrebbe esserci il rischio di salmonella.”.

Roversi MG.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!