Castelluccio, l’appello dei terremotati: “Dopo 14 mesi non abbiamo riparo per l’inverno, solo burocrazia”

Dopo 14 mesi, ancora nessun riparo per l’inverno che ormai è arrivato. Il timore di non farcela e di doversene andare perché non sanno cosa fare, bloccati a 1500 metri, senza ripari adeguati. Si tratta dell’appello disperato degli abitanti di Castelluccio, provincia di Norcia, che hanno visto le loro case distrutte dal terremoto.
L’appello della popolazione è stato affisso in un foglio sul vetro di una roulotte, qualcuno l’ha fotografato ed ora sta facendo il giro del web.

Sul foglio c’è scritto: “A 14 mesi dal terremoto non c’è ancora un rifugio per ripararsi dalle intemperie, a 1.500 metri è difficile sopravvivere all’inverno senza nessun riparo”.
Ciò che non ha fatto il terremoto (vittime), forse riescono le istituzioni” prosegue la scritta amareggiata sul foglio.

C’è più amarezza che condanna nelle parole immortalate in questo foglio che sta facendo il giro del web e dei giornali. “Nessuna casetta d’emergenza, nessuna attività produttiva, nessuna struttura per ricovero bestiame. Solo vincoli, ordinanze di sgombero e forze dell’ordine” scrivono gli abitanti.
Sperando forse che il tam tam mediatico riesca ad attirare l’attenzione dello Stato su questa tragedia: più di un anno è passato dal terremoto ed ancora ci sono paesi dove la situazione non è cambiata di una sola virgola.

Roversi MG.