Catalogna, in piazza gli ‘unionisti’: “No all’indipendenza”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:03

Non solo gli indipendentisti. A Barcellona, questa mattina, sono scesi in piazza tanti favorevoli al mantenimento della Spagna unita. Sono migliaia le persone che hanno affollato le strade del centro storico della splendida città catalana per dire “No” all’indipendenza ed esporsi a favore dell’unità nazionale.

Come riportato dai media locali, il corteo, organizzato dalla “Società civile catalana per l’unità”, è partito da piazza Urquinaona, dove la folla dei manifestanti si faceva notare per la massiccia presenza di bandiere spagnole. Gli ‘unionisti’ hanno inoltre scandito diversi slogan, tra i quali “Io sono spagnolo”, “Viva la Spagna, viva la Catalogna e la Guardia civil” e “Puigdemont in prigione”.

Per l’occasione, a Barcellona sono giunti pullman da tutto il Paese. La giornata si chiuderà con l’intervento del premio Nobel per la letteratura Mario Vargas Llosa e dell’ex presidente del Parlamento europeo, il socialista Josep Borrell.

Intanto, il premier spagnolo Rajoy si è reso conto che la situazione è piuttosto delicata e ha affermato di non poter più commettere errori. “Devo cercare di essere giusto, devo ascoltare la gente, e so quanto pensano in molti – ha detto Rajoy nel corso di un’intervista con il quotidiano “El Pais” – Ho però soprattutto l’obbligo di mantenere la calma. E’ il mio primo dovere perché altrimenti posso prendere una decisione sbagliata”.