India: custode dello zoo viene sbranato da due cuccioli di tigre bianca

A distanza di una sola settimana dall’inizio del suo lavoro come custode del parco biologico di Bannerghatta a Bangalore, sud dell’India, Anjaneya Anji, 41 anni, è stato ucciso da due cuccioli di tigre bianca.

Anjaneya Anji era sposato con due figli, e in precedenza aveva lavorato come guardia di sicurezza ma pare che non avesse molta esperienza nella gestione degli animali selvatici.
Secondo la ricostruzione del Times, Anji si accingeva a dar da mangiare agli animali. Una volta entrato nella gabbia per poter posizionare la carne nell’apposito angolo, pare che non abbia notato la presenza di due cuccioli, Vanya e Jhansi Rani, che gli si avvicinavano. Uno dei due si è avventato, mordendolo sul collo, e subito dopo il secondo si è unito al primo. Le grida del povero uomo hanno attirato più tigri nella recinzione, che lo hanno trascinato e sbranato. Purtroppo per l’uomo non c’è stato nulla da fare, nonostante alcuni operatori abbiano dato subito l’allarme, fuggendo via dalla zona di pericolo.

La polizia ha annunciato il caso di morte “innaturale”, dando il via alle indagini. Il direttore esecutivo del parco, Santosh Kumar, ha dichiarato: “Dal momento che è in corso un’indagine della polizia, non è giusto da parte mia dare spiegazioni riguardo alla morte di Anji”.

Un tragico incidente, non unico nel suo genere purtroppo: in India, solo nel 2015 c’era stato un altro attacco nello stesso parco, anche se in quell’occasione l’uomo era rimasto solo ferito. All’inizio di quest’anno, inveve, cinque tigri reali del Bengala hanno attaccato e ucciso una tigre bianca e nel mese di luglio un turista è stato calpestato a morte da un elefante dopo aver tentato di prendere un selfie con l’animale.

M.Valentina Colasuonno