Ragazza violentata, picchiata e minacciata a Foggia, arrestati due uomini per violenza sessuale 

Due uomini, entrambi di nazionalità nigeriana, sono stati arrestati dalla Polizia di Stato a seguito di una ordinanza di custodia cautelare emessa dal tribunale di Foggia, con l’accusa di violenza sessuale di gruppo. 

Si chiamano Jeremiah Omomoh di 26 anni e Ahmed Shaban di 27 anni e sono tutti e due domiciliati nella baraccopoli della zona estrema del Cara di Borgo Mezzanone. La violenza sessuale è avvenuta il 4 settembre a Foggia ai danni di una 20enne loro connazionale. La ragazza era arrivata dalla Libia e si era successivamente trasferita al centro di accoglienza per rifugiati di Torino; quindi si era allontanata spontaneamente per arrivare fino a Borgo Mezzanone, vicino a Foggia.

La donna ha denunciato la violenza agli agenti della questura di Foggia dopo due giorni che era stata aggredita. Secondo il racconto della 20enne, innanzitutto Shaban le aveva proposto un rapporto sessuale da lei rifiutato, poi le aveva chiesto di venire con lui a Lecce per proseguire nella sua attività di prostituzione. Dato che la 20enne rifiutava, il nigeriano, facendo aiutare dal connazionale, aveva stuprato la ragazza colpendola anche con pugni e schiaffi. La ragazza, arrivata al Pronto soccorso degli Ospedali Riuniti di Foggia, era stata poi ricoverata.

Roversi MG.